lunedì 26 aprile 2010

Fermenti di kefir: Mai dire mostriciattoli!

I fermenti vivi capaci di trasformare il latte in un composto dalle proprietà benefiche sorprendenti, sono agglomerati non uniformi e dal carattere bizzarro. Chi produce in casa il magnifico Kefir sa bene quanto sia volubile e instabile l'aspetto giornaliero del latte fermentato. Esistono leggere varianti di colore anche nel siero che si separa nettamente dal resto del composto e taglia in modo irregolare la sostanza bianca mista  a fermenti vivi.
Possiamo inventare modi diversi per definire i protagonisti del Kefir, vediamoli in dettaglio:
  1. Fermenti vivi.
  2. Ciccioli.
  3. Granuli.
  4. Grani.
  5. Funghi.
  6. Straccetti.
  7. Lenzuolini.
  8. Agglomerati.
  9. Fiori di Kefir.
  10. Supersembionte
Ieri ho ricevuto una foto senza spiegazioni da una gentile neo produttrice di Kefir di latte, una specie di indovinello.... guardiamola insieme e poi leggete cosa le ho risposto in preda al panico....

ecco la mia risposta:

" Cara V.!! Non capisco quello che vedo!! Il colore soprattutto! Si intravedono i ciccioli belli cresciuti ma quel colore cos'è?? Il siero?? Poi il contenitore è chiuso ermeticamente? Non va bene!!
Deve passare dell'aria...e poi non è pieno fino all'orlo...come mai?
Ti prego di spiegarmi meglio perchè davvero non ho mai visto nulla del genere. Il siero è giallino ma non copre mai tutta la superficie...dove è finito il latte fermentato?
Attendo con ansia qualche spiegazione...spero si tratti solo di un effetto fotografico, anche se il contorno della foto sembra molto realistico.
Non sarà mica kefir d'acqua?? Io non l'ho mai fatto e non so che aspetto assume....
Ciao, fammi sapere
Fabiola "
******************************
Sono troppo sensibile per sopportare certe sorprese! :-)
Oggi leggo in un commento che i cari fermentini vengono definiti 'mostriciattoli'...e no, troppe emozioni per il mio cuore delicato!!

Per fortuna mi sostiene il buon umore...e la costante presenza di tanti amici appassionati di Kefir, grazie a tutti!
Nota a margine: chi indovina cosa sta producendo la nostra amica V.??

18 commenti:

  1. INDOVINA INDOVINELLO...........???????!!!!!!!
    ciao, io dico che ha messo i fermenti dentro del succo di frutta!!!....forse un'esperimento per creare una nuova bibita?
    cara fabiola! per favore non spaventarci con il tuo povero cuore!!!prima di leggere la posta, mettiti seduta, fai 2-3 respiri profondi, una bella preghierina e poi con calma, ma moooooolta calma, apri la tua posta,e quando vedi certe cose non pensare subito al peggio, magari è fatto a fin di bene, parliamo sempre di esperimenti, vedrai che sarà uno di quelli!.......
    ok!!!! allora?!come sta il tuo cuore?! si è ripreso?! va tutto bene?!passato lo spavento?!vuoi una tazza di kefir con tanto tanto zucchero?! apri la porta che sto arrivando a soccorrerti!!!!!anzi no resta seduta, la butto giù io!!!:-)
    hem!....scusate!!!....dev'essere l'effetto del kefir appena mangiato!!!....BUONANOOOTTE!

    RispondiElimina
  2. Ciao!...sono l'anonimo che ha chiamato i Fiori di kefir (ho preso quello più poetico) mostriciattoli...dai non ti offendere davanti c'ho messo AMATI!!! XD
    Questa mattina c'era ancora troppo latte nel siero, ma non demordo assolutamente perchè comunque anche se la parte densa non è molta ha un ottimo sapore ed in bimbi crescono a vista d'occhio (pesano già 35g).
    Oggi gli ho dato del buon latte fresco intero, speriamo gli piaccia!!!
    Il latte lo tiro fuori dal frigo la sera prima di andare a dormire, così quando lo utilizzo per i fermenti è a temperatura ambiente, che dite si rovina il latte qualche ora fuori dal frigo?...se mi dite di si, potrei provare a stiepidirlo qualche secondo nel microonde prima di usarlo.
    Ciao Ciao!

    RispondiElimina
  3. @Anna: Hai notato come prendo a cuore gli esperimenti delle persone che ottengono i fermenti da me? Si rimane in contatto per diverso tempo, ci si scambia idee, suggerimenti e pareri. La signora V. mi ha appena scritto di essersi fatta due belle risate nel leggermi!!! Voi ridete... ma io sono troooOOooppo sensibile!! :-))

    RispondiElimina
  4. @Daniele: benvenuto in questa valle con la locandiera leggermente fanatica (ho detto leggermente!). Ti rispondo subito perchè il fatto che tu scaldi il latte o lo tieni fuori dal frigo...non va bene!
    I fiori di kefir, ciccioli, granuli o fermenti vivi sopportano benissimo il contatto con il latte freddo di frigorifero. Mentre il latte diventa naturalmente a temperatura ambiente, i cari esserini vivi si ambientano e digeriscono perfettamente. E' l'eccessivo calore che può danneggiare le proprietà organolettiche...non il freddo! Quindi non diventare come me (fanatico) e cambia il latte senza troppe strategie...li senti? Mi sembra già di sentire i tuoi fermenti che fanno la OLA!!!:-) Ciaoooo...ritorna quando vuoi!!

    RispondiElimina
  5. Buona giornata a tutti!!! quale è il mistero della signora V? non so se riuscirò a dormire stanotte...nemmeno i miei più estremi esperimenti hanno partorito un simile composto....ciao a tutti gilda

    RispondiElimina
  6. @Gilda: cara, cara...non entrare in apprensione anche tu! Appena ho un minuto di tempo voglio pubblicare la spiegazione di cotanto giallo intenso (Anna ha indovinato). Sai che ho usato la pasta madre che mi hai gentilmente inviato tu? E' stato un successone!! Ho le foto di tutti i passaggi e del risultato strabiliante. Il kefir è un gran conduttore di buone cose e di buone persone! Se tu fossi qui...quasi quasi ti prenderei a morsi (ma solo per assaggiarti!):-) Ciaoo, buona giornata (sommario odierno per i navigatori del Blog al loro primo ingresso su queste pagine: mi sono autodefinita: locandiera fanatica e anche un po' cannibala ma sensibile)

    RispondiElimina
  7. @Fabiola: scusa, probabilmente già non mi sopporti più!!! XD
    Il mio ragionamento era che se avessi utilizzato il latte freddo avrei aumentato il tempo di posa...ti dico questo perchè l'ideale sarebbe come ora cioè avere il kefir pronto, ogni 24h, per l'ora della colazione.
    Quindi mi confermi che se utilizzo il latte freddo non aumento i tempi?
    Grazie!

    RispondiElimina
  8. @Daniele: ti sopporto volentieri XD I tempi di fermentazione sono sempre variabili: i ciccioli crescono, la temperatura ambiente cambia e poi c'è il fattore X che non conosco! Ti consiglio di avviare il filtraggio alla sera; metti il kefir in una tazza e poi in frigo per mangiarlo al mattino bello fresco. Se poi non vuoi smanovrare con tutti i vari contenitori...non so che dirti, comunque sta arrivando la stagione calda...non avrai problemi con i tempi di fermentazione...piuttosto con la conservazione e l'inacidimento eccessivo del composto da mangiare. Ho detto inacidimento? Rettifico...d'estate il kefir diventa più frizzante per molte ragioni che trovi spiegate in vari post (ma ne parlerò ancora). Buone colazioni kefirose!! Ciao

    RispondiElimina
  9. Per Anna Maria;
    Girovagando sul web mi sono imbattuto in un sito(in inglese)dove si accenna al rapporto fra Kefir e colesterolo.Se ti può interessare
    http://users.sa.chariot.net.au/dna/kefiran.htm
    ciao

    RispondiElimina
  10. EVVIVA!!!!!!....cosa ho vinto??!!!....è una cosa bella??!!!!....spero che il premio non sia l'assaggio di quella cosa!!!

    RispondiElimina
  11. @Anna: non ti gasare prima del tempo! Devo ancora decodificare la ricetta e poi...te la darò in pasto senza indugio:-)
    Che giornata: la technologia mi fa dei brutti scherzi. Per fortuna i commenti kefirosi mi riconciliano con il web!

    RispondiElimina
  12. @MALKeFiR: grazie per il tuo link dedicato alla domanda sul colesterolo che ci pone Anna Maria. Però purtroppo il link è rotto (termine tecnico per dire...non porta da nessuna parte!). Puoi per cortesia scriverlo di nuovo?? Vorrei studiare anche io...sai...non vorrei essere bocciata come una trota!!:-)

    RispondiElimina
  13. cara Fabiola, proprio oggi mi domandavo quale comportamento dovrò tenere con l'aumento della temperatura...cosa è meglio fare? far fermentare a lungo (48 ore) il kefir in frigo o fuori frigo per un periodo decisamente inferiore al solito? illuminami....(sei un po' come virgilio che affianca dante nella divina commedia...tu ci segui lungo le strade del "divino kefir"!!!!) ciao a presto gilda

    RispondiElimina
  14. @Gilda: io illuminare te?? Disse la candela al lampione...Cosa devo leggere per il divino Kefir! :-) Cara Gilda, se il kefir temesse le alte temperature estive, oggi si sarebbe spenta anche la mia candela! Per anni ha vissuto nella mia casa senza alcun refrigerio (aria condizionata).
    Consoliamo tutti gli abitanti di soffitte, attici o mansarde assolate: il Kefir si adatta perfettamente agli ambienti più diversi. Certo reagisce a modo suo...io direi che...CRESCE, si moltiplica e digerisce come....un neonato nella pancia della mamma.
    Nota della candela: l'aria condizionata serve a non far decomporre me...non il kefir!:-)

    RispondiElimina
  15. @Fabiola:.....farei tutto per il kefir, ma mettere l'aria condizionata in casa mi sembra un po' troppo....grazie Fabiola, mi rassicuri come sempre...bene, quindi anche per l'estate sono a posto; ps: con questi primi caldi mi viene voglia di mangiare qualcosa di fresco e pertanto ho pensato di fare una giornata dedicata interamente al kefir: fresco dissetante si manda giù bene e fa un gran bene; tengo da parte un paio di produzioni e poi...slurp!!! ciao a presto e grazie di nuovo gilda

    RispondiElimina
  16. @Fabiola scusami;
    Non è solo il link che ho mandato ad essere "rotto",ma anche la mia capacità di usare il PC. In effetti ho saltato un simbolo grafico nella trascrizione;essendo,purtroppo,un simbolo che non trovo sulla mia tastiera(è il segno dell'infinito,come una "S" messa orizzontalmente),non sò come fare a correggere il link.Posso però indicarti un'altra strada:sul portale di Google digita Kefiran(no Kefir,proprio Kefiran),lanciata la ricerca ti apparirà il sito (sotto il titolo Kefiran)già nella prima pagina dell'elenco.
    Nella stessa pagina (e anche nelle seguenti)vengono prospettati altri siti, alcuni(pochissimi) molto professionali,almeno all'apparenza,che però hanno un grosso difetto:oltre che in inglese (male minore) sono scritti con terminologie tecnico-scientifiche comprensibili solo a dei "Premi Nobel".
    Sarebbe bello se qualcuno del Blog conoscesse un medico,un ricercatore,insomma qualcuno in grado di fare da "traduttore" in modo da renderli comprensibili anche a noi semplici mortali.
    Fammi sapere se rintracci il sito,intanto m'informo come si fà a scrivere il segno di "infinito"
    Buona notte.

    RispondiElimina
  17. Buongiornoooo!!!...ho appena mangiato dell'ottimo KEFIR e volevo condividere con voi una piccola variante che dovrà, prima di metterla in pratica, essere vagliata dagli esperti del blog...non si sa mai!!!
    Alla fine del filtraggio ho notato che intorno ai "ciccioli" rimane molto prodotto attaccato, per non stressarli troppo ho pensato di metterli in un bicchiere di vetro e aggiungere un goccio (goccio) di latte, farli nuotare un po' e poi rimetterli nel passino.
    Rimangono dei fermenti belli puliti e facendo così non si stressano ne con il premerli troppo ne utilizzando l'acqua.
    Attendo commenti in merito, grazie!

    RispondiElimina
  18. @Daniele: buon appetito! Scommetto che ti senti in forma!:-)Riguardo al tuo metodo per non stressare i fermenti vivi del Kefir nel momento del filtraggio, devo dire che non ne capisco il motivo. Ti posso assicurare che i ciccioli sono come i neonati: gli piace essere stretti forte forte e cullati vigorosamente! Se aggiungi un goccio di latte al tuo kefir significa che metti del lattosio dove non dovrebbe essere. Stacca tutto il composto intorno ai ciccioli con movimenti energici e regolari del cucchiaio. Se qualcosa rimane attaccato non è grave; non diluire l'effetto benefico del kefir: mangialo concentrato e starai sempre meglio!
    Anche io ho fatto colazione con il kefir (come sempre). Mi attende una giornata campale...come farei senza la mia grossa magra porzione di kefir quotidiano??Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ

    RispondiElimina

Scrivi la tua domanda o riflessione sul Kefir di latte, ti risponderò in breve tempo!

Archivio blog

Seguimi tramite email