giovedì 1 febbraio 2018

Il Kefir al microscopio svela i suoi microrganismi benefici

Si parla tanto di elementi commestibili e di ognuno si ispeziona i diversi componenti microscopici. Che sia il magnesio o il potassio, ma anche catene di enzimi o altre particelle, c'è sempre qualcuno pronto ad abbinare i cibi ai loro effetti sulla dieta. La natura è complessa e fino a quando ci nutriremo di legumi, vegetali o proteine animali sarà sempre una scoperta meravigliosa il rapporto di causa ed effetto tra noi e il cibo che mangiamo. I fermenti vivi del Kefir sono elementi naturali che agiscono sul latte vaccino con cui entrano in contatto. E' una simbiosi semplice ma affascinante il prodotto della fermentazione del latte che diventa un cibo altamente benefico per la salute degli esseri viventi (umani o animali). Di cosa sono fatti i fermenti vivi, vogliamo guardarli al microscopio e toglierci anche questa curiosità?

Lactobacillus e Streptococcus

Lactobacilli benefici del Kefir di latte

Il Kefir al microscopio presenta 9 microrganismi benefici della famiglia dei Lactobacilli e 1 microrganismo benefico della famiglia degli Streptococci.

I microrganismi benefici nel Kefir per chi ama i dettagli scientifici:

  1. Lactobacillus acidophilus
  2. Lactobacilli brevis
  3. Lactobacilli casei
  4. Lactobacilli casei subsp. rhamnosus
  5. Lactobacilli casei subsp. pseudo-plantarum
  6. Lactobacilli paracasei subsp. paracasei
  7. Lactobacilli cellobiosus
  8. Lactobacilli delbrueckii subsp. bulgaricus
  9. Lactobacilli kefiri
  10. Streptococci salivarius subsp. thermophilus
La portentosa formula del Kefir dipende dalla concentrazione di alcuni elementi e della loro vitalità capace di agire in profondità nell'apparato digerente.

Per me dipende anche dalla qualità del latte intero fresco con cui i fermenti vivi vengono nutriti e dalla cura nella gestione della produzione quotidiana del Kefir.

Quanto alle proprietà dei Lactobacilli esistono studi scientifici che hanno dimostrato come ad esempio il Lactobacillus acidophilus sia efficace nel ridurre l'intolleranza al lattosio e nella riduzione del livello di colesterolo nel sangue. Il Lactobacillus casei è noto per la sua capacità di fermentare il latte nella produzione dei derivati del latte. La sua presenza nel Kefir garantisce effetti antimicrobici che diventano utili nel trattamento della diarrea causata da antibiotici e virus. Il Lactobacillus delbrueckii subsp. bulgaricus è conosciuto per la sua capacità di produrre acido lattico. La sua presenza nel Kefir è garanzia di completa fermentazione e digestione del lattosio.
Recenti studi hanno dimostrato l'importanza di assumere probiotici in concomitanza alla prescrizione di antibiotici. Mangiare Kefir di latte ogni giorno aiuta a mantenere in forma le difese immunitarie e a combattere immediatamente gli effetti collaterali di cure a base di antibiotici.

La produzione in casa dell'Elisir Bianco chiamato Kefir ci aiuta a controllare la qualità, la vitalità e la freschezza dei batteri benefici che colonizzano il tratto intestinale, mostrando dopo pochi mesi di assunzione quotidiana tutti i vantaggi sulla salute che possiamo ottenere da questo cibo naturale. 

Ora che abbiamo sbirciato al microscopio i fermenti vivi del Kefir e conosciamo i nomi e le proprietà dei batteri di cui sono costituiti, possiamo dedicarci con maggiore convinzione alla buona abitudine di mantenere sani i nostri alleati nell'unico elemento che li moltiplica all'infinito: il latte.

Archivio blog

Seguimi tramite email