giovedì 22 aprile 2010

Votarsi con fiducia al Kefir di latte per guarire

Il Kefir di latte è un prodotto naturale buono da mangiare puro, liquido o denso. 
Potrebbe bastare questo fatto a farne il protagonista tra tanti alimenti sani che si trovano al supermercato.
Trovare buoni motivi per iniziare a consumare con passione questo cibo straordinario, dipende solo dal passa parola e dalla esperienza condivisa di chi ha testato personalmente i mille benefici sulla salute.
Da anni vi racconto come produco il Kefir di latte dai miei fermenti vivi.
Da circa un anno mi sono attivata a distribuire le mie eccedenze a chi ne fa richiesta.
Da pochi mesi è avvenuto il miracolo delle risposte pubbliche dei nuovi produttori di Kefir.
L'articolo di ieri scritto con il cuore, si coloca in questa escalation di fatti.
Ma non è finita qui!
Poche ore fa mi è giunta una fantastica e-mail privata che solo per caso non è un commento pubblico....quindi la pubblico all'interno di questo post perchè rimanga bene in evidenza.
Mi scrive Anna Maria che ha i miei fermenti da circa due mesi:

".....In quella occasione ti dicevo che di proposito ho atteso un mese dall'inizio della  mia esperienza per inviarti i miei commenti, più che entusiastici! Infatti, dopo circa un lustro di visite medice generiche e specialistiche, analisi, colonscopie, fermenti lattici e medicine varie, tese a guarire i miei disturbi intestinali, oggi posso dire che un mese di regolare assunzione di Kefir mi hanno "miracolosamente" e perfettamente guarita. Invito quindi tutti i colleghi kefiriani, che hanno i miei stessi problemi, a votarsi con fiducia al kefir, come ho fatto io, certa che otterranno i miei stessi risultati. Ho convertito tutti i miei cari a questo prodotto costringendomi però a produrne...a livello industriale per soddisfare la domanda di 4 figli, sette nipoti, parenti ed amici vari; a questo proposito anzichè il solito classico vaso 4 stagioni Bormioli da litro, posso usare recipenti più capaci, da 2 o magari 5 litri? I tempi di attesa sono sempre di 24  ore e la proporzione ottimale ciccioli/latte è sempre del 10%? Il prodotto è talmente delizioso che, in due persone, riusciamo a fatica a farcelo durare tutta la giornata!  Ho anche prodotto il kefir da latte di soia, ma i nostri palati non lo gradiscono, a nostro avviso non è all'altezza di quello da latte vaccino, ad ogni modo de gustibus........
Una mia figlia, che vive negli USA e che sarà a Genova il mese prossimo in vacanza, mi ha già prenotato i tuoi ciccioli, e ti terrò informata sugli sviluppi del tuo ....ramo americano.
Grazie per la tua continua apprezzata assistenza ed a presto Anna Maria. "

Spuntino goloso dedicato ad Anna Maria

Ad Anna Maria non so rispondere sulle grandi quantità e le giuste proporzioni tra ciccioli e latte, perchè non ho mai fatto così tanto Kefir!
Se qualche lettore del Blog ha esperienza di una tale produzione 'industriale', è invitato a lasciare un commento per raccontare la sua esperienza.
Per il resto: siamo tutti curiosi degli sviluppi del Kefir nel ramo americano!!!
Grazie ad Anna Maria e alla sua bella famiglia KEFIROSA!!
(avete notato come funziona bene la mia buona stella?)

2 commenti:

  1. ciao. Se anna maria consuma il suo kefir liquido, la cosa si può fare, la proporzione granuli/latte è sempre quella,ma se lo consuma denso allora consiglio di non superare la grandezza di vasi da 1kg perchè ci vorrebbe un colino a maglie stette della grandezza di uno scolapasta, e non credo che ne esistano! e poi si farebbe molta fatica a maneggiare il vaso per separare il siero dal kefir.
    Spero di esserti stata utile. ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Buon sabato a tutti;
    anch'io,come Anna,consiglio ad AnnaMaria di usare più vasi piccoli per produrre molto Kefir,oltre al vantaggio della praticità a cui fà riferimento Anna,si può scaglionare la produzione nell'arco della giornata ed avere cosi' del Kefir sempre freschissimo.
    Un'altro sistema per produrre Kefir a volontà è quello millenario e originale che si usava nel Caucaso:usare,cioè,un grosso recipiente(il loro orcio di pelle)con all'interno latte e granuli perennemente in fermentazione dal quale prelevare,di volta in volta,il prodotto necessario al bisogno e quindi rimpiazzarlo subito con del latte fresco.
    Non sò con quali risultati effettivi(gusto e consistenza)e,sopratutto,se ci siano controindicazioni igieniche nell'uso di questo sistema arcaico.
    Chissà,forse un giorno farò esperimenti e ne saprò qualcosa in più.
    I colini a maglie fitte,di grandi(grandissime)dimensioni li ho visti nella fattoria dove acquisto il latte appena munto per il mio Kefir;se a qualcuno possono interessare mi informo sulla reperibilità.

    Piccola ricetta per insalata primaverile(sentita in televisione e adattata ai miei gusti):

    Un sedano bianco tagliato a striscette
    Una mela verde senza torsolo ma con la buccia,tagliata
    a cubetti
    Una scatoletta di tonno da 125 gr.sgocciolato
    Un cucchiaio di capperi sotto sale ben lavati
    Un cucchiaio di senape
    Un cucchiaio di olio di oliva
    Tre(o anche quattro)cucchiai di buon Kefir denso
    IO non metto sale

    Buon appetito e buon fine settimana a tutti

    RispondiElimina

Scrivi la tua domanda o riflessione sul Kefir di latte, ti risponderò in breve tempo!

Archivio blog

Seguimi tramite email