venerdì 4 dicembre 2009

Trova qui le risposte sul Kefir di latte

Ritrovare tra gli articoli di questo Blog ogni indicazione utile per la produzione del Kefir di latte non è difficile; scrivo sempre i passaggi salienti e fondamentali. Li ripeto continuamente perchè ricevo domande via e-mail che mi spingono a cercare nuove parole per la descrizione di tutto quello che concerne il Kefir di latte. So che è noioso cercare le risposte. Ho appena messo una barra per la ricerca personalizzata all'interno del Blog: basta inserire la parola che definisce la domanda e si viene immediatamente trasportati in una lista di articoli di questo medesimo Blog in cui presumibilmente è scritta una risposta valida. Spero sia utile per tutti!
Guardate cosa mi scrive la Signora C. da poco in possesso dei miei fermenti (ormai suoi!):
".... io non ho letto il blog con molta attenzione, sono sempre di fretta. Adesso ho capito. Metto il latte, aspetto 24/30 ore (mescolando ogni tanto), poi lo filtro (ieri invece mi sono mangiata un bel bicchiere con tutto, ciccioli compresi, che cicci che sono!!), ciò che ho filtrato lo consumo e i fiori li rimetto nel vaso con latte fresco e così via. Domanda: se vado via 3/4 giorni che faccio? se lo lascio lì rischio di rovinare tutto? E il kefir che ho prodotto quanto dura?
Fa bene anche alla pelle bere kefir? Mi pare di vedere la mia pelle già più luminosa. Mi è venuto lo sghiribizzo di farmi anche una maschera per il viso :-)
Mio figlio e mio marito - che rappresentavano l'ostacolo più duro da superare - hanno mangiato stamattina kefir con il succo d'acero e corn flakes e hanno detto che era ottimo...bene, passata la prova!"
Bellissima e-mail!!!
GRAZIE!!
Provo io a fare una ricerca personalizzata e lascio qui sotto i link agli articoli dove sono scritte le risposte giuste. Questo non significa che non sono disponibile a scrivere in privato ad ognuno di voi, anzi lo faccio sempre volentieri; cerco solo di rendere accessibile e utile il Blog ufficiale TUTTO SUL KEFIR DI LATTE.

Articoli correlati alla conservazione dei fermenti:
************************************
Articoli correlati ai benefici del Kefir sull'organismo
************************************
Utilizzate anche voi la barra di ricerca personalizzata; grazie a questo gadget di Google potrete scovare vecchi post di questo Blog e relativi commenti.
Rileggendo i vari articoli mi accorgo di aver mischiato spesso vari argomenti, prometto che cercherò di essere più selettiva e sintetica, OK?
Che faccio...non metto nemmeno una foto? Non potete nemmeno immaginare cosa ho fatto oggi con il Kefir...
Risposte pratiche per trovare ogni dettaglio sulla produzione del Kefir di latte

10 commenti:

  1. salve,
    vorrei provare il kefir ma non so dove trovare i semi.
    erboristeria?farmacia?
    dove posso acquistarli?

    RispondiElimina
  2. Ciao! Certo puoi provare a chiedere i fermenti in qualche esercizio commerciale, nulla vieta che un farmacista o erborista possieda i suoi fermenti! Personalmente non so indicarti altro che la e-mail a cui scrivermi per avere un po' delle mie eccedenze di fermenti: kefir@aol.it, chiedo solo un contributo per le spese di imballaggio e spedizione. Scrivimi.

    RispondiElimina
  3. Ciao! Mi è successo di dimenticare i miei fermenti(emersi in latte)nel frigorifero per quasi un mese. Li ho lavati e rimesso nel latte fresco e sembra che stiano bene(fanno ancora fermentare il latte). Ma ho paura che abbiano subito qualche alterazione batterica e sono un pò preoccupata di consumare il kefir. Che ne pensi? Katia

    RispondiElimina
  4. Ciao Katia, dimenticare i fermenti in frigo non è poi un gran male: al freddo i batteri rallentano la loro crescita (sia quelli buoni che quelli cattivi!). Se vedi il latte di nuovo fermentato direi che i fermenti vivi sono ben riattivati. Per eccesso di precauzione puoi gettare la prima produzione e sciacquare i tuoi fermenti in acqua fredda, strizzarli un poco e immergerli in nuovo latte intero fresco fino a vedere una buona separazione del siero. Buon ritorno al kefir di latte...e non dimenticarlo più...mangialo piuttosto!!:-)

    RispondiElimina
  5. sono al5°giorno di vita in casa mia i piccoli fermenti che ho ricevuto e come neofita devo dire che mi sembrano ben adattati, grazie a Fabiola che ha messo su questo blog dove leggo un sacco di cose interessanti che non sapevo. Il video come separare il siero non può che dare l'idea delle spiegazioni chiarissime che vi si trovano. Io sono sempre più sorpresa; oggi ho letto del lievito madre che si può fare con il Kefir e addirittura con il siero...credo che un po' alla volta sperimenterò tutto. Grazie a tutti gli amici che rendono vivo e ricco di notizie questo blog. Giovy

    RispondiElimina
  6. @Giovy: Benvenuta! Hai scoperto il video, mi fa piacere. Quindi presto ci racconterai le tue impressioni sul siero...non vedo l'ora di sapere cosa ci prepari: ricotta, lievito madre...o...qui non si finisce mai di imparare (io per prima). Ciao, buona domenica:-)

    RispondiElimina
  7. Cara Fabiola e amici del blog, posso dire che lo yogurt separato dal siero è qualcosa di buono assai,peccato che ho pochi fermenti, ma da una settimana sono raddoppiati, quindi ho speranza. Tuttavia il siero non ne ho sprecato neanc he una goccia.Con 150 ml di siero ho fatto una bella torta di formaggio che vale la pena sperimentare...
    Indico la ricetta:
    Mescolare con la frusta elettica i seguenti in gredienti nell'ordine
    -1 vasetto di yogurt o ilsiero liquido del kefir di latte - 4uova intere
    -mezzo vasetto di olio di semi
    1 vasetto di parmigiano grattugiato
    1 vasetto di pecorino grattugiato
    4 vasetti di farina00 (320g)
    una bustina di lievito non vanigliato
    Mettere l'impasto in una teglia alta e cuocere a forno caldo a 200° per 45 minuti. Buon appetito da Giovy

    RispondiElimina
  8. @Giovy: che ricetta sfiziosa!! Tu sei una di quelle cuoche che usano le unità di misura come optional? Fai tutto a occhio scommetto!!! Un vasetto a quanto corrisponde? 125 ml?? Te lo chiedo perchè domani provo subito a fare la torta di formaggio. Ho tutti gli ingredienti e mi sembra di sentire già il sapore di questa bontà!! Pubblicherò le foto della ricetta con le tue indicazioni. Grazie per aver condiviso i segreti della tua cucina. Cosa farai quando avrai triplicato i ciccioli? Serena notte cara amica, ciao:-)

    RispondiElimina
  9. Cara Fabiola, hai ragione, scusa il ritardo e l'approssimazione dele mie indicazioni, preciso che l'ho misurato e il siero o il Kefir liquido di un vasetto che uso è di 100 ml. Quindi sperimenta questa ricetta. Si può mettere anche lo yogurt, ma io preferisco mangiarmelo, è troppo buono, invece il liquido mescolato al siero è veramente più acido e preferisco usarlo per la cucina e visto che ci siamo capite per l'unità di misura del vasetto mi piacerebbe condividere un'altra ricetta di dolcetti che si fanno ripieni con marmellata, cioccolata o crema, sono dei cornetti di pasta frolla con lo yogurt ed io come sempre ho impiegato il siero. Se sono sono graditi inoltrerò presto le indicazioni. I miei fermenti sono cresciuti ed ho già condiviso le eccedenze con mia figlia, credo che le farà un gran bene...ciao, a presto Giovy.

    RispondiElimina
  10. @Giovy: anche a me fa un gran bene leggere dei tuoi dolci esperimenti!:-)Marzo sta per finire e sono stata presa da molti impegni inattesi. Per fortuna leggere i tuoi commenti e quelli delle altre amiche...mi concilia sogni felici! Urca...stanotte dormirò un'ora di meno!!!!!!!!

    RispondiElimina

Scrivi la tua domanda o riflessione sul Kefir di latte, ti risponderò in breve tempo!

Archivio blog

Seguimi tramite email